home  |   i maestri  |   i mestieri  |   atelier di...  |   dove andiamo...  |   servizi  |   e-mail  |   registrati  |  
 Piazza Armerina (ENNA)
Le più importanti civiltà del mediterraneo hanno lasciato un segno indimenticabile del loro passaggio nel cuore della Sicilia. Gli abitanti di oggi accolgono con la loro squisita ospitalità i tanti visitatori di Piazza Armerina.

 
menu
 > carnet
 > fiere
 > mercatini
 > mercatini di Natale
 > links
 
 










 

Il borgo d’origine medievale è dominato dall’alta cupola della cattedrale barocca del XVII secolo, nella quale si conservano pregevoli opere d’arte medievale. All’interno, sopra l’altare maggiore è posto uno splendido tabernacolo barocco che racchiude una tavola di stile bizantineggiante con la Madonna della Vittoria. Nella cappella, a sinistra del presbiterio, da ammirare una tavola con Crocifisso, opera del “Maestro della croce di Piazza Armerina” (1485). A fianco della cattedrale svetta il quattrocentesco campanile d’impronta gotico catalana. Attraversando le pittoresche vie del borgo si incontrano il Castello trecentesco con torri angolari, la secentesca Chiesa di S. Pietro, con soffitto ligneo del ‘700 e l’ex Chiesa di S. Giovanni di Rodi, con il suo bel portale gotico (1200 circa). Appena fuori dell’abitato meritano una visita il Priorato di S. Andrea, con un ciclo di affreschi dei secoli XII-XV e l’ex Convento di S. Maria del Gesù.


 
 
  Collegamenti:

Da Palermo o Catania, autostrada A19 uscita Mulinello. Imboccare la statale 117 bis fino al bivio per Piazza Armerina.
Da Agrigento o Siracusa, percorrere la statale 115 fino a Gela e da qui la statale 117 bis in direzione Enna, fino al bivio per Piazza Armerina.
Per raggiungere la Villa del Casale imboccare la strada provinciale per Barrafranca che inizia dal centro del paese.

 
  Manifestazioni:

Palio dei Normanni - in agosto
Celebra ogni anno la ricorrenza della vittoria sui Saraceni del Conte Ruggero d’Altavilla. La cerimonia di consegna delle chiavi avviene in piazza Duomo, dove giunge il corteo composto dalle milizie, dalla cavalleria e dai cavalieri della giostra in rappresentanza dei quartieri della città, dal Conte e dal seguito di paggi e palafrenieri. Il giorno successivo, le truppe normanne ed i cavalieri dei quartieri della città si recano a campo S. Ippolito, dove si svolge il Palio. La giostra consiste in una serie di prove di abilità alle quali partecipano quattro cavalieri per ogni quartiere. Il vessillifero del quartiere vincente riceve dal Conte Ruggero il vessillo raffigurante Maria Santissima delle Vittorie, che sarà conservato per l'intero anno nella parrocchia del quartiere.
 

  Numeri utili:  

Municipio: Tel 0935 982111
Proloco:    Tel 0935 86557
Sito della Villa Romana del Casale

 
  Dove alloggiare:
     
     

 
   
 Pubblicità su questa pagina
 
 >info pubblicità
 
ARTIGIANANDO declina ogni responsabilità su eventi e notizie qui segnalati e consiglia di contattare gli organizzatori per verificare le notizie riportate e per ottenere maggiori informazioni.
 
| home | i maestri | i mestieri | atelier | dove andiamo... | servizi | email | registrati |
© 2000 - 2016 | Artigianando di Rosalia Alba Andò | All rights reserved